Tra corruzione e scandalo Eternit: mettiamo fine all’incubo di una prescrizione farsa

Vogliamo una prescrizione che abbia un effetto di garanzia e non sia un privilegio.
Le oltre tremila vittime dell’Eternit non hanno un colpevole. Tutto ciò a causa del meccanismo della prescrizione che rende l’Italia un Paese poco civile in materia di diritto.
Solo per arrivare a una sentenza di primo grado in occorrono in media 500 giorni. Il tema della lentezza è all’ordine del giorno nella riforma della giustizia civile, ma non lo stesso per la prescrizione.
La prescrizione è un importante diritto del cittadino, se non fosse che nel nostro Paese è diventato un modo per difendersi dai processi, e non nei processi. La prescrizione dovrebbe dare la garanzia ad un processo circoscritto in tempi ragionevoli. Ma questo diritto però degenera in privilegio quando la si raggiunge con l’astuzia allungando artificialmente i tempi del processo alla ricerca dell’impunità.
Risultato: una media di 165.000 prescrizioni all’anno. Si pensi solo ai tantissimi processi per corruzione: in questo momento ci sono solo… continua a leggere

Share
Questa voce è stata pubblicata in cittadinanza, crisi, democrazia, Giustizia e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *