Smascheriamo le ipocrisie

Bersani da una parte e Grillo dall’altra si sono mostrati mestieranti della politica perché chi guarda al bene del Paese cerca il dialogo e un’alternativa di governo. Bisogna smascherare le ipocrisie. Mentre noi cercavamo un accordo con il Pd, Bersani stringeva un accordo sottobanco con Monti che con Berlusconi, glielo ricordiamo, sono le due facce della stessa medaglia”. In Sicilia, nella sua Palermo, in un cinema Golden strapieno, insieme con il sindaco Leoluca Orlando, Antonio Ingroia partecipa all’iniziativa di Rivoluzione Civile e attacca, tra gli altri, anche Nichi Vendola: “Sta usando la coalizione del centrosinistra come un taxi per superare lo sbarramento. Noi siamo piu’ coraggiosi. Troppo comodo pensare di fare l’anima bella dopo”.

Ma gli affondo ai suoi avversari continuano, tra gli applausi: “Ai primi sondaggi il Pd, sempre più di centro, è calato. Hanno paura di perdere”. E su Grillo: Apprezzo il Movimento, sempre meno chi lo guida. Grillo ha paura del confronto e una parte del suo elettorato sta venendo dalla nostra parte”.

Poi, però, entra nel cuore dei problemi: “La Sicilia ha un ruolo strategico per le elezioni, non solo per il peso che ha la regione, ma anche per il significato simbolico. La crescita dell’economia deve essere un obiettivo prioritario – dice – e bisogna puntare sul Mezzogiorno. Ma occorrono nuovi investimenti, favoriti da una lotta senza quartiere alle mafie e alla corruzione. Per questo credo che si debba partire proprio dalla Sicilia”. In platea ad ascoltare, tra gli altri, Franca De Mauro, figlia di Mauro De Mauro, giornalista assassinato dalla mafia nel 1970.

Al “partigiano della CostituzioneAntonio Ingroia, una rappresentanza dell’associazione partigiani, presente in sala, consegna la tessera onoraria dell’Anpi. “Dico a tutti gli italiani di dichiararsi partigiani della Costituzione, anche in nome delle lotte partigiane che Berlusconi ha recentemente mortificato e offeso con le sue parole”, è l’invito di Ingroia ai cittadini. “Noi abbiamo come bussola la Costituzione e dentro questa bussola abbiamo i punti cardinali rappresentati dai suoi valori fondamentali. Sappiamo che l’articolo uno è alla base della nostra nazione, ma gli altri leader politici se lo sono scordato”.

Share
Questa voce è stata pubblicata in Leoluca Orlando, Mezzogiorno, Rivoluzione civile, Sicilia e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *