Obama e i nuovi diritti civili “L’uguaglianza inizia in classe”

Fonte: LA STAMPA
Il presidente in tour da Buffalo a New York: cambierò scuola e università
di PAOLO MASTROLILLI INVIATO A BUFFALO
Il nostro futuro? L’istruzione, perché oggi quello che sai è quello che vali. Dunque bisogna aprirla a tutti, come chiave della crescita e dell’eguaglianza economica, diventata il nuovo diritto civile più importante. Pari opportunità, per chiunque le voglia, che poi si trasformano in conoscenza dei cittadini e leadership globale dell’intero Paese.

Per attraversare questa nuova frontiera, che sta al centro del secondo mandato, il presidente Obama è salito sull’autobus e sta attraversando New York e la Pennsylvania. Parla ai giovani, che hanno fatto la differenza nelle elezioni dell’anno scorso, e alle loro famiglie, nella speranza di riportare su il gradimento nei sondaggi. Parla alla classe media, su cui si fonda la ripresa economica, e la possibilità di mettere in un angolo l’opposizione repubblicana che blocca ogni iniziativa alla Camera.

Camicia aperta, pantaloni kaki da gita al mare con le figlie, Obama ha cominciato la sua campagna alla University at Buffalo. L’ha introdotto Silvana, una ragazzina appena arrivata al college, che ieri stava montando il futon nella sua stanza, e oggi ha presentato l’uomo più potente del pianeta: «Il mio futuro, e quello del Paese, dipende dalle possibilità che avrò di imparare».

Il presidente ha sottolineato i 7,3 milioni di posti di lavoro creati negli ultimi 41 mesi, i timidi segnali di crescita che si vanno consolidando. Però ha ammesso che non basta. La classe media… continua a leggere

Share
Questa voce è stata pubblicata in cittadinanza, crisi, cultura, Democratici USA, Diritti e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *