Moriremo a mille anni

fonte: L’Espresso
di Federico Guerrini
San Francesco la trattava con confidenza e la chiamava “sorella”. La maggior parte dei non-santi tuttavia le affibbierebbe volentieri altri attributi e la considera comunque un argomento tabù, qualcosa a cui si preferisce non pensare e di cui meno si parla, meglio è. Per alcuni ingegneri della Silicon Valley e dintorni, invece, la morte è semplicemente un problema, un’equazione che per ora non torna. Quindi da risolvere.
Fra chi si candida ad affrontarla ha fatto il suo ingresso da poco un nome di peso: quello di Google, il cui cofondatore Larry Page ha annunciato a settembre l’avvio di Calico, una nuova società controllata da Mountain View, la cui missione sarà quella di sviluppare soluzioni per allungare l’aspettativa di vita.
Non è chiaro, al momento, quali siano esattamente i piani di Page e soci, ma l’annuncio è stato accolto con fervore dalla piccola ma battagliera comunità di ricercatori che lavorano da tempo nel settore “immortalità e affini”: «Penso che sia fantastico che Google abbia investito in questo campo», dice a “l’Espresso” il biochimico Aubrey de Grey, responsabile scientifico della fondazione di ricerca Sens (acronimo di Strategies for Engineered Negligible Senescence)… continua a leggere

Share
Questa voce è stata pubblicata in etica, futuro, progresso e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *