Meno è meglio: ecco la bicicletta senza raggi, brevetto di un giovane ingegnere italiano

fonte: it.disney.wikia.com

fonte: ilsole24ore.com
di Matteo Scarabelli
La filosofia della sottrazione incarna perfettamente lo spirito essenziale della bicicletta. In fondo, se i telai a scatto fisso stanno avendo tutto questo successo la ragione è proprio questa, eliminare tutto ciò che non è indispensabile. I freni, il cambio e tutta la caveria di cui questi sistemi hanno bisogno. Nessuno però aveva ancora pensato di levare i raggi dalle ruote, riportandole alla loro forma originale di cerchi perfetti, senza alcun elemento aggiuntivo. Certo, di rendering in Rete ne girano parecchi ma nessuno di questi è riuscito a diventare un prototipo vero e proprio, preludio di qualsiasi progetto industriale. Il primo a riuscire in questa impresa è stato Gianluca Sada, che si è laureato in Ingegneria dell’Autoveicolo al Politecnico di Torino proprio con una tesi sulla sua bicicletta futuristica. “Tutto è nato come una sfida, senza alcuna finalità precisa”, racconta Sada. “Volevo semplicemente mettermi alla prova e vedere se ero in grado di…” continua a leggere

Share
Questa voce è stata pubblicata in futuro, Giovani. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *