La cogestione significa responsabilizzare i lavoratori

fonte: LINKIESTA
Come funziona all’estero il modello di partecipazione agli utili. Cosa fare per applicarlo in Italia
Sebbene l’art. 46 della Costituzione riconosca «il diritto dei lavoratori a collaborare, nei modi e nei limiti stabiliti dalle leggi, alla gestione delle aziende», in Italia il tema non è mai stato affrontato davvero. Nel 2009 il governo, con Tremonti e Sacconi, si impegnò a siglare un impegno a promuovere la cogestione. Eppure l’apertura della Cgil sul tema – tramite l’intervento del segretario Camusso sulle pagine del Corriere – è storia recente, legata alla conquista di Telecom da parte degli spagnoli di Telefonica.
La modifica del tessuto produttivo – da un modello industriale classico e relativamente stabile a imprese in cui il capitale umano prevale – impone una revisione delle “strutture di contributi e ricompense” che sono alla base delle forme di governo delle imprese. Tuttavia, le teorie di governance e l’evidenza empirica non lasciano spazio a una soluzione univoca, e due modelli sembrano prevalere: la partecipazione dei dipendenti agli utili aziendali e la rappresentanza dei medesimi negli organi di gestione.
La compartecipazione agli utili: falsi miti e il rischio di sottovalutare il rischio
Circa un anno fa Brunello Cucinelli, amministratore delegato e presidente dell’omonima società quotata in Borsa, annunciava di voler elargire circa 5 milioni di Euro ai dipendenti per premiare chi “è cresciuto con l’azienda”. Sebbene non si trattasse di compartecipazione agli utili – bensì di un regalo della famiglia proprietaria – l’annuncio ebbe una grande eco, a testimoniare la rarità di eventi del genere in Italia.
Una delle opzioni per coinvolgere i dipendenti – e non solo il top management – nella gestione è la partecipazione degli utili, che lega una parte della remunerazione alla redditività dell’azienda. Per comprendere se la compartecipazione sia una scelta efficiente, due aspetti meritano attenzione: in primis, questo strumento comporta… continua a leggere

Share
Questa voce è stata pubblicata in economia, futuro, Lavoro, progresso e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *