Ingroia presenta Rivoluzione civile alla Stampa estera

La Rivoluzione civile si presenta alla stampa estera. In un incontro organizzato nella sede dell’associazione di via dell’Umiltà, Antonio Ingroia, accompagnato dal sindaco di Palermo Leoluca Orlando e dai candidati della lista Giovanni Favia e Sandro Ruotolo, ha risposto alle domande dei giornalisti internazionali. Rapporti con il centrosinistra. “Noi non possiamo partecipare a una coalizione di governo in cui ci siano Berlusconi o Monti. La nostra posizione è limpida. Il centrosinistra invece non ha mai detto un no chiaro sui suoi rapporti con Monti, anzi ha fatto delle aperture”. La nostra Europa. “Siamo per l’Europa dei popoli e dei diritti, non per l’Europa di Monti. Le politiche del suo governo sono le stesse di Berlusconi”. Giustizia sociale. “Questa è l’unica lista che mette al centro la questione morale, la lotta alle mafie e la giustizia, non solo civile e penale, ma intesa anche come giustizia sociale”. Riforma della giustizia. “Necessaria per attrarre investitori in Italia. Vogliamo sentenze in tempi ragionevoli e una prescrizione lunga. Il contrario di ciò che si è fatto finora”. Come recuperare risorse. “Prenderemo i soldi dove gli altri non hanno voluto prenderli: dai patrimoni illeciti, dalla economia criminale, dall’evasione fiscale. Non introdurremo tasse, se non una patrimoniale che serve più che altro per riequilibrare il carico fiscale”. Mps e l’intreccio tra politica e affari. “Purtroppo  l’intreccio perverso tra politica e affari è un’anomalia del sistema italiano. Bisogna che i partiti escano fuori dai Cda”. Vecchie e nuove mafie. “La mafia non è uscita indenne da un ventennio di repressione costante. Ma ora ha avviato un processo di riconversione, muovendo le risorse laddove può investire. Qui bisogna rivolgere le energie. Quindi bisogna riconvertire la lotta alla mafia”.

Share
Questa voce è stata pubblicata in La Rete 2018. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *