Il paradigma dei semafori rotti

fonte: www.ilfattoquotidiano.it/
di Fabio Scacciavillani
Quando ero a studiare in America e tornavo in Italia in estate, amici, conoscenti e parenti mi chiedevano cosa fosse diverso oltreoceano nel modo di vivere, nel modo di pensare, nei comportamenti quotidiani, nei rapporti umani (oltre che nel cibo, la nostra magnifica ossessione nazionale). Sul cibo, prevedibilmente, rispondevo che non era nemmeno lontanamente paragonabile alla cucina della mamma (così pagavo il dovuto tributo morale anche all’altra ossessione nazionale). Su tutto il resto, meno prevedibilmente, parlavo di semafori.
Non che in America i semafori siano diversi, ma e’ diverso il comportamento degli automobilisti, soprattutto in casi di emergenza. Quando un semaforo si rompe (succede anche li’) le macchine si fermano disciplinatamente al quadrivio, lasciano passare il veicolo che è arrivato prima e poi, a partire da chi è alla destra del primo arrivato, una alla volta le macchine attraversano l’incrocio mentre… continua a leggere

Share
Questa voce è stata pubblicata in etica, U.S.A. e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *