I cento fiori e i miei programmi. Antimafia e non solo

nandodi Nando dalla Chiesa
Inizia la settimana più bella, con le giornate più lunghe dell’anno. E questo è per me, sin da quando leggevo “Il corriere dei piccoli”, un motivo di felicità purissima. Speriamo che non ci siano cieli grigi a rovinarci il bello di albe e tramonti. Sarà settimana intensa assai, con viaggi su Lamezia Terme per il festival dei libri dell’antimafia di “Trame” (a cui parteciperanno anche due ambasciatrici di Stampo Antimafioso per presentare la loro esperienza) e poi su Roma, dove venerdì mattina a Santa Cecilia offrirò al colto e all’inclita, udite udite, la mia relazione su “Etica, bellezza e dimensione religiosa” in un augusto convegno su fede e bellezza.
Nei giorni scorsi viaggio a Balestrate per ricordare l’appuntato dei carabinieri Giuseppe Bommarito ucciso trent’anni fa dalla mafia con il suo capitano Mario D’Aleo e il suo collega Pietro Morici. Un mare che sfolgorava d’azzurro e oro a mezzo pomeriggio mi ha dato la malinconica sensazione di perdermi sempre qualcosa mentre camminavo con don Ciotti dal duomo alla stele dove avrei dovuto parlare. La sera Giulio Cavalli è stato costretto a recitare il suo monologo teatrale in piazza con il campanile che gli rimandava il suono delle campane ogni quarto d’ora. Devo dire che non era facile reggere, ma ci è riuscito. Una giornata di grandi emozioni per i motivi che troverete qui accanto.
Non è stata meno emozionante la giornata di Napoli, con il ritorno all’Accademia di Belle Arti dove feci ristrutturare il bellissimo teatro, con quella cultura alta, erudita e riflessiva che si respirava nel grande convegno e che faceva pensare ancora una volta a quanto venga buttato via in Italia; e poi il passaggio serale al concerto del Conservatorio di San Pietro in Maiella con un ragazzino tredicenne che al piano suonava Mozart come un dio. E’ stato il mio mondo per due anni (me medesimo al governo del paese…) e mi è rimasto nel cuore, che vi devo dire; così come il progetto di realizzare un grande distretto dell’arte e della cultura in quella zona della città che la notte si popola di giovani fino a tardi, tanti da non credere e senza nemmeno le bottiglie rotte o le risse di Milano e di Bologna, altro che Napoli…
Intanto vedo che in parlamento, con i profughi grillini, c’è la possibilità di fare un governo diverso. Era ora, e mi inquieto (ohibò) solo a pensare quale potenziale di voti è stato letteralmente congelato per rifilarci di nuovo B. Che succederà ora? Boh, non credo che avranno il coraggio di cambiare maggioranza. Ma spero che siano almeno abbastanza astuti per tenere il suddetto B. appeso per il bavero. Se pensa ai fatti suoi si cambia, e senza tornare al voto. Infine grande domenica per Libera in Lombardia. Sotto la guida dell’ottimo Davide Salluzzo, Milano si butta alle spalle una stagione da rovinarsi il fegato. E ora si apra la stagione dei cento fiori. Si parla di antimafia, accidenti, mica di pinzillàcchere.

Share
Questa voce è stata pubblicata in La Rete 2018, Lombardia e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *