Gli antipodi e i colori della libertà

Nel parlamento della Nuova Zelanda, paese fondamentalmente di agricoltori e di solide tradizioni protestanti, c’è questo aula nella quale sono esposte tutte le bandiere delle minoranze sessuali: LGBT, transgender, bisessuali, e ancora. E quella delle minoranze etniche e quella, sullo stesso piano, della Nuova Zelanda.
Alle pareti, gli atti legislativi che dal divorzio ai matrimoni omosessuali e alle unioni civili, hanno marcato l’espansione delle libertà individuali. E anche le fotografie dei deputati rappresentanti e paladini delle varie minoranze. Un’aula di progresso che è usata normalmente per riunioni di commissione ma anche tappa obbligatoria per i visitatori. Infatti correttamente si dice che la Nuova Zelanda è agli antipodi. (Niccolò Rinaldi)

Share
Questa voce è stata pubblicata in La Rete 2018. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *