Germania, il vicecancelliere: “Scusate ma il mercoledì sto con mia figlia”

fonte: www.repubblica.it
di Andrea Tarquini
Successo e potere non bastano: un uomo è realizzato se sa anche essere davvero un padre presente, e trovare tempo per i figli. Magari a spese del tempo del lavoro. È la parola d’ordine del movimento trasversale dei maschi consapevoli, tendenza in crescita nella Germania della grande Coalizione. Lo ha lanciato nientemeno che il vicecancelliere, superministro dell’Economia e leader della Spd, Sigmar Gabriel. Die Neue Vaeter, i nuovi padri: il movimento fa proseliti in corsa, 91 papà di Germania su cento lo appoggiano.
Il suo simbolo è Marie, una tenera bimba di due anni. Figlia appunto del vicecancelliere e della sua seconda moglie, la dentista di Magdeburgo Anke Stadler. “Anke ha bisogno di tempo per il suo lavoro, dunque è giusto che io dia una mano”, si è confessato il compagno Gabriel a Bild. “Mercoledì tocca a me andare a prendere Marie al Kindergarten, e occuparmi di lei, e ne sono felice”. Scelta difficile, inevitabilmente concordata con un’altra donna, la cancelliera Angela Merkel, perché proprio il mercoledì si tiene a Berlino la riunione settimanale-chiave del governo. continua a leggere

Share
Questa voce è stata pubblicata in Diritti, diritti infanzia e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *