“Ecco perché la sinistra è minoranza nel cervello”, Barbieri sul Giornale

fonte: blitz quotidiano
ROMA – Ecco perché la sinistra è minoranza nel cervello. La destra offre una “dieta morale” più ampia. E quindi conquista più facilmente la nostra mente.
Scrive Eleonora Barbieri sul Giornale:
In America è stato un bestsel­ler e, anche se il suo autore si considera e si dichiara un li­beral, è un libro che ha fatto ar­rabbiare soprattutto i progressi­sti. Il fatto è che Menti tribali di Jo­nathan Haidt (titolo originale The righteous mind , ora pubbli­cato in Italia da Codice edizioni) indaga il legame fra cervello, emozioni e politica e, scavando nella natura della passione «di partito»,mette a nudo una verità che a molti non è piaciuta: è la te­sta di sinistra a essere più ristret­ta, sono i radicali i meno open­minded, sono loro che dovreb­bero aprirsi di più, se vogliono capire ed essere capiti dalla gen­te – specialmente dagli elettori.
Come è possibile? I liberal non sono i più«aperti»per defini­zione, soprattutto alle diversità? Solo apparentemente. In realtà il loro messaggio politico fa ap­pello a due/tre principi morali, mentre quello della destra risve­glia ben sei principi: nelle parole di Haidt, questi ultimi riescono ad «attivare tutto il ventaglio di intuizioni morali», su cui poi il nostro cervello costruisce i giudi­zi etico- politici e su cui si basa in gran parte il nostro comporta­mento.(…)
Certo è un paradosso rispetto alle convinzioni comuni e so­prattutto alle autoconvinzioni dei progressisti, ma Haidt non può essere accusato di essere di parte: psicologo sociale che ora… continua a leggere

Share
Questa voce è stata pubblicata in centrosinistra. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *