Daniel Pennac “La mia Sicilia? Un’isola letteraria”

IMG_3793“IN Sicilia spero di ritrovare quell’energia, quell’entusiasmo, quella presenza molto particolari che sento ogni volta che vengo in Italia”. Alla vigilia della partenza per Palermo, dove domenica mattina, nel quadro della due giorni di “Repubblica delle idee”, parteciperà a un incontro con il direttore di Repubblica Ezio Mauro, Daniel Pennac confida la sua curiosità nei confronti dell’Isola. Un luogo dove è già stato una quindicina di anni fa: “Sono smemorato di natura. Dimentico tutto, le persone, i paesaggi, le cose viste e fatte. Di conseguenza ho dimenticato anche quello che ho visto a Palermo tanti anni fa”.

E di Palermo cosa ricorda?
Palermo mi sembrò una città al contempo splendida e decadente, il cui aspetto un po’ in rovina mi affascinò moltissimo. Ebbi l’impressione di una città molto diversa dalle altre città italiane, con una sua identità molto particolare e una bellezza tutta sua. Ricordo poi alcuni singoli episodi, ad esempio l’incontro con il sindaco Leoluca Orlando. Sua figlia, che era una lettrice appassionata dei romanzi di Malaussène, volle presentarmelo. E io rimasi molto impressionato dalle guardie del corpo e dall’atmosfera cupa e tesa che regnava attorno a lui, anche se, quando arrivai, uscì in strada per abbracciarmi e baciarmi come se mi conoscesse da sempre”… continua a leggere

Share
Questa voce è stata pubblicata in cultura, La Rete 2018, Leoluca Orlando, Sicilia e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *