Dal Sinodo l’attenzione alle coppie gay. Voi cosa ne pensate?

Dal Sinodo l'attenzione alle coppie gay. Voi cosa ne pensate?fonte: www.sanfrancescopatronoditalia.it
Cogliere gli “elementi positivi” presenti anche nelle “forme imperfette” di famiglia, comprese le convivenze pre-matrimoniali. Curare le “famiglie ferite” (separati, divorziati) con “scelte pastorali coraggiose”. Riscoprire, nella enciclica Humanae Vitae di Paolo VI, “il bisogno di rispettare la dignità della persona nella valutazione morale dei metodi di regolazione della natalità”. Sono alcuni dei punti affrontati dalla “relatio post disceptationem”, la relazione intermedia pronunciata stamane dal cardinale relatore Peter Erdo in apertura della seconda settimana del sinodo straordinario sulla famiglia (5-19 ottobre) che vedrà i “circuli minores”, gruppi linguistici, a lavoro nell’emendare il testo in vista di una “relatio synodi” che sarà votata dai padri sinodali sabato 18 ottobre. Sul nodo della comunione di divorziati riposati, l’arcivescovo di Budapest ha sottolineato che c’è un dibattito aperto tra quanti negano e quanti ammettono l’accesso alla comunione, che andrebbe comunque concessa in seguito ad un cammino penitenziale. Linguaggio molto aperto, infine, sugli omosessuali, che hanno “doti e qualità da offrire alla comunità cristiana” e danno un “appoggio prezioso” al partner quando sono legati in unione. continua a leggere

Share
Questa voce è stata pubblicata in Chiesa, Diritti e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *