Cassina, contenzioso di 30 anni Maxi-risarcimento al Comune di Palermo

leoluca orlando sindaco di palermofonte: LiveSicilia
di Riccardo Lo Verso
La vicenda era legata all’appalto vinto fra la fine degli anni Settanta e l’inizio degli anni Ottanta da un’impresa che fecava capo alla famiglia Cassina. Allora come oggi il sindaco era Leoluca Orlando. Oggi esulta. Fu lui ad assegnare l’appalto a un’altra società.
PALERMO – È una storia, quasi, in bianco e nero. Che una sentenza del Tribunale civile fa tornare di attualità. Il Comune vince la causa contro la Farsura Costruzioni, società oggi in liquidazione che faceva capo ai costruttori Cassina, famiglia dal passato chiacchierato, finita al centro di inchieste giudiziarie. La Farsura dovrà pagare 127 milioni di euro al Comune di Palermo “nella persona del sindaco pro tempore” che trent’anni dopo è, oggi come allora, Leoluca Orlando. Fu lui il sindaco che quella causa la “provocò” togliendo ai Cassina l’appalto per la manutenzione di strade e fognature nella Palermo anni Ottanta. La Palermo di Salvo Lima e Vito Ciancimino. Apriti cielo. Allora i sindacalisti sfilarono con le bare in spalla, non riproduzioni ma vere casse di morto. Mentre i lavoratori della Farsura, che avevano perso il posto, mostravano i cartelli con la scritta: “Con la mafia si lavora, Viva Ciancimino”. Nel mirino c’erano Orlando e il suo vice Rizzo.
La guerra giudiziaria inizia nel 1974 quando il Comune affida alla Lesca, poi trasformata in Lesca Farsura e infine in Farsura Costruzioni, la manutenzione di strade e fognature per nove anni. Allo scadere, però, dopo una fase transitoria di due anni, la giunta Orlando bandisce una nuova gara vinta da un’altra impresa. Ne nasce un contenzioso. I punti cardine sono questi: nella fase transitoria fra il vecchio e nuovo appalto, dal 1983 al 1986, durante la quale la Lesca aveva continuato a lavorare meritava un aggiornamento dei prezzi ed erano stati garantiti i livelli occupazionali? Nell’88, in sede di arbitrato, il Comune viene condannato a pagare 95 miliardi di lire alla Lesca che li incassa con un decreto ingiuntivo. Non è tutto perché… continua a leggere

Share
Questa voce è stata pubblicata in Giustizia, Leoluca Orlando, Sicilia e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *